ARTISTI E ARTIGIANI DELL'ARTE

Nome

Dall'album fotografico

Presentazione

Anne Bodammer

GIOIELLI IN VETRO

Nata ad Amburgo, ha imparato in giovane età la lavorazione del vetro “a lume”, con le varie tecniche di soffiatura del vetro per la realizzazione di perle di vetro e la creazione del gioiello. Ha studiato e imparato nel laboratorio della maestra vetraia, Susanne Kindler-Bodammer e nella scuola d’arte in Baviera (Germania), dove insegna.

Da 22 anni ha un laboratorio nel centro storico di Anguillara dove crea ed espone i suoi gioielli.

Ha partecipato a varie mostre a Roma, in Finlandia, Toronto, Tokio ed in Germania.

Ed è stata ospite alla trasmissione Geo&Geo su RAI 3 dove ha fatto una dimostrazione della sua arte.

I suoi gioielli sono disegnati, soffiati e montati con materiali come l’argento, l’acciaio, il cuoio ed il cotone in forma unica.

Agnese Di Venuto è nata a Roma. La sua formazione, che comincia con la partecipazione a corsi di vetrate artistiche, si perfeziona con le specializzazioni in tessitura a piombo, teccnica tiffany, collage, sabbiatura, pittura a freddo, mosaici e restauro. Dopo aver seguito un laboratorio di vetro fusione, si specializza nella realizzazione di opere d'arte sacra nell'ambito di un corso di grisaglia (pittura a gran fuoco) tenuto dal prof. Costantin Mara. Cura scrupolosamente ogni fase della lavorazione, dalla ricerca iconografica alla scelta dei materiali, dallo studio del contesto e dell'ambiente nel quale l'opera è destinata sino alla effettiva realizzazione e messa in posa.

Agnese Di Venuto

VETRATE ARTISTICHE

Federica Filzi

QUADRI

SILVIA MOCCIA VANTA DUE LAUREE CONSEGUITE CON IL MASSIMO DEI VOTI, ALL'ACCADEMIA DELLE BELLE ARTI DI VITERBO, E UNIVERSALITÀ DEGLI STUDI DI VERONA. CONSEGUE COSÌ I DOTTORATI IN PITTURA RESTAURO E IN STORIA DELL’ARTE. FIN DA GIOVANISSIMA SPICCA LA SUA MANO REALISTA, ABILE COPISTA E MAGNIFICA INTERPRETE. NEL CORSO POI DELLA SUA FORMAZIONE PROFESSIONALE SI ISPIRA MAGGIORMENTE AI GRANDI ARTISTI DEL NOSTRO RINASCIMENTO E NE RESTA ATTACCATA SFIORANDONE LA PENNELLATA CLASSICA E LA PERFEZIONE D’ESECUZIONE. DIVIENE OGGI UN ARTISTA MODERNA DAI TRATTI CLASSICI. SCOPO DELL’ARTISTA È REALIZZARE IL RICORDO E TRASMETTERE LA VITA TRAMITE L’IMMAGINE DEL MONDO CHE VIVIAMO. IMPRIGIONARE SU TELA UN LUOGO SPECIFICO SIGNIFICA ONORARE ALLA PIÙ LUNGA MEMORIA IL NOSTRO PERSONALE TRASCORSO. SUA CARA VOCAZIONE DIVIENE INFATTI REALIZZARE OPERE SU COMMISSIONE, OLTRE AD OMAGGIARE I GRANDI MAESTRI CON COPIE D’AUTORE AL LIMITE DELLA PERFEZIONE; CITIAMO CARAVAGGIO FRA TUTTI, MONET, REMBRANDT. LUNGA PRODUZIONE DEDICA ANCHE AL PAESE CHE LE DA I NATALI, ANGUILLARA SABAZIA RIPRODOTTA PIÙ VOLTE in DIVERSI SCORCI.

Silvia Moccia

 

QUADRI

Luisa Mariotti

PORCELLANA BIANCA

Luisa Mariotti abita ad Anguillara da circa 4 anni. Dipinge la porcellana bianca, ricicla lattine e tanto altro per realizzare piccoli  oggetti  decorativi; realizza collane di porcellana e braccialetti in macramè.

Il mio avvicinamento all'arte è avvenuto in seguito ad una esperienza in Venezuela, tornata in Italia 5 anni dopo, per migliorare e ampliare le mie conoscenze artistiche ho frequentato un corso organizzato dalla provincia di decorazione d'interni specializzata in trompe l'oeil e affreschi. Conseguito il diploma ho iniziato subito a lavorare presso locali commerciali, case private, cantieri, collaborando periodicamente con uno studio scenografico, e su commissione, soprattutto con le riproduzioni di affreschi pompeiani, rinascimentali e opere di alcuni dei pittori più celebri del passato. In seguito frequentando artisti locali ho cominciato ad esporre opere personali e a partecipare a mostre collettive, presentando per lo più paesaggi che ricordano e raccontano i tempi passati. Dipingo prevalentemente con colori acrilici dai toni decisi, mentre ad olio preferisco tinte più delicate quasi monocromatiche, tuttavia amo sperimentare e non disdegno l'utilizzo di altri materiali come stoffe, rame, stagno, sabbia, gesso, ecc. Considero l'arte un veicolo culturale attraverso il quale esprimere, raccontare emozioni, sensazioni, inquietudini e voglia di comunicare.

Léon Akwadal

QUADRI

Francese di nascita, cosmopolita di adozione, Leon Akwadal affronta la pittura come un laboratorio di sperimentazione sensoriale attraverso il quale rende visibile ciò che l’immaginazione crea per ispirazione dagli oggetti quotidiani. La pura geometria utilizzata è volutamente imperfetta poiché nulla, sia nella realtà, sia nella fantasia più immediata e istintiva, è composto da linee precise e forme esattamente simmetriche. L’imperfetta geometria di Akwadal è il giusto tributo alla libera immaginazione umana, più attratta dalla variazione imprevista che dalla semplice simmetria.
Nelle multiformi variazioni tonali delle opere di Akwadal, l’osservatore può perdersi nella diversità delle superfici materiche con cui la pittura è stata creata: repentini cambiamenti di materiale, colori che si alternano, i dipinti presentati in esposizione sono frutto in ogni centimentro di un’elaborata ricerca sensoriale.

© 2017 Associazione Doppio Diesis

DOPPIO DIESIS, associazione senza scopo di lucro   00061 Anguillara Sabazia (Roma)

Sede legale - Via Fleming 48     Sede operativa - P.za della Collegiata  (+39) 329 5722325 - 347 1928645     info.doppiodiesis@gmail.com